invasionidigitaliravenna

Ho letto la “lettera aperta a un direttore di museo” che apre il blog di Invasioni Digitali e ci ho ritrovato gli stessi concetti che ripeto da tempo ogni volta che mi trovo a ragionare di arte, cultura e rapporto con la rete.

  1. Anche se tu, curatore o direttore, non usi Facebook (e giuri che non lo userai mai), probabilmente la maggioranza dei visitatori del tuo museo lo usa, praticamente tutti i giorni: e questo è di per sé un motivo più che sufficiente per mettere da parte lo snobismo e provare a esplorare questa parte della rete
  2. Sopresa, sorpresa! Anche se fare foto nel tuo museo è vietato, se cerchi in rete troverai un sacco di “cartoline non autorizzate” spedite da tuoi visitatori entusiasti. Vuoi prenderne atto, o continuare a ignorare e vietare? (vedi anche “Vietato vietare” sul blog di Roberta Milano)
  3. Dato che i budget per far pubblicità al tuo museo sono sempre più scarsi, hai considerato che la rete ti permetterebbe di promuovere mostre, eventi e collezioni a un costo più sostenibile, e indirizzando i messaggi non a un target indistinto, ma a persone che hanno maggiore probabilità di essere interessate a quello che fai?

Ci sono in Italia migliaia di piccoli musei, centri visita, aree protette, strette alla gola da mancanza di fondi: sono il nostro patrimonio nazionale più importante, quello che nessuna globalizzazione può delocalizzare.

Come far sì che questo patrimonio non vada sprecato, e generi nuova ricchezza?

Io non pretendo di avere la soluzione in tasca, ma l’unico percorso sano che mi sembra praticabile oggi passa per alcuni snodi:

  1. apprezzare, coltivare e far crescere il grande potenziale di amore verso l’Italia e il suo patrimonio: diamoci voce, riconosciamoci, noi che mandiamo a tutto il mondo cartoline da luoghi noti e meno noti, noi che quando troviamo un monumento chiuso in un ponte non ce ne facciamo una ragione
  2. aprire invece che chiudere; facilitare invece che creare ostacoli; distribuire e far distribuire, invece che alzare barriere. Chi gestisce la cultura e l’arte in Italia deve sbarcare nella contemporaneità, prendere atto che “c’è una rivoluzione tecnologica che d’improvviso rompe i privilegi della casta che deteneva il primato dell’arte” (“I barbari, Alessandro Baricco), scendere dal piedistallo e accettare di contaminarsi
  3. più tutto questo diventerà una domanda esplicita e collettiva, più condizionerà l’azione politica e amministrativa. Chi mi segue sa che ho sostenuto (e continuo a sostenere) uno dei pochi uomini politici che non perdono occasione di ribadire, dati alla mano, che cultura e turismo creano ricchezza e occupazione, e senza chiedere in cambio la nostra salute o il degrado del territorio, anzi migliorando la qualità della nostra vita: al di là dei nomi, vorrei che davvero questo leit-motiv diventasse priorità e azione quotidiana di chi ci governa

Le Invasioni digitali riassumono perfettamente tutto questo: in pochi giorni e poche settimane, una bella idea lanciata da Fabrizio Todisco è stata condivisa spontaneamente da una rete di persone in tutta Italia.

Siamo in tanti, stanchi di sbadigliare a convegni in cui si ripete a parole che “bisogna fare sistema” ma poi non si fa né sistema né nient’altro. A Ravenna siamo stati io, Lidia Marongiu, Nevio Salimbeni e Giacomo Costantini (autoproclamatici invasori bizantini) a fare aprire alle #invasionidigitali le porte del museo Tamo, alla Cavallerizza (ex chiesa di San Nicolò):  l’appuntamento è per sabato 20 aprile alle 15, ci si iscrive qui bit.ly/InvasioniDigitaliRA, venite in tanti perché più siamo e più facciamo cambiare.

3 Responses to #invasionidigitali – cartoline di primavera dall’Italia

  1. Fantastico sia l’evento che quanto hai scritto: il turismo e l’arte sarebbero delle colonne portanti dell’economia italiana se, oltre ad altri aspetti più “politici”, ci fosse meno scetticismo nell’utilizzare strumenti digitali di vario tipo e ci fossero più possibilità di interazione.
    Condivido!

  2. […] Ravenna l’invasione è stata organizzata da Alessandra Farabegoli, Lidia Marongiu, Nevio Salimbeni e il sottoscritto (per l’occasione i bizantini digitali ). La […]

  3. Elena scrive:

    Ciao Alessandra :)
    L’iniziativa mi sembra ottima ed espressione di un impegno “pasionario” nella direzione indicata dal post. Su un punto però mi sento di dissentire: quando si entra in un museo, stiamo entrando in casa altrui, in un ambiente cioè in cui vigono regole che hanno stabilito altri e che vanno rispettate. Tra queste il divieto di fare foto, divieto che – spesso – ha un senso. Il divieto a scattare foto in luogo chiuso non deve essere visto come un ostacolo all’espressione creativa dei turisti (che riusciranno sicuramente a trarre ispirazione dall’opera museale senza imbarazzanti click, permettimi di dirlo :) Deve essere inteso come rispetto (ragionato, sensato, dovuto) dell’opera d’arte. Che poi altri si permettano ugualmente di scattare e inviare è un altro discorso; ma è un gesto che non dovrebbe autorizzare l’anarchismo digitale in luogo museale :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Email marketing in pratica
Dalla costruzione della mailing list alla scelta dello strumento, dal piano editoriale alla scrittura: tutto ciò che serve per creare newsletter che funzionano.
Sopravvivere alle informazioni su Internet
Metodo e strumenti per sopravvivere, anzi prosperare, in una situazione del tutto inedita nella storia dell'umanità: l'abbondanza di informazioni.
Manuale di buonsenso in rete
Un ebook (gratuito in PDF, a 1,99 € in versione digitale) con decine di consigli per applicare il buonsenso alla propria comunicazione online.
Email Marketing con MailChimp
Un manuale che spiega passo dopo passo come usare MailChimp, uno dei migliori strumenti per gestire in modo professionale le proprie mailing list e newsletter.