Nei giorni scorsi ho terminato la prima bozza del libro “Sopravvivere all’informazione in rete“, e, nella pausa prima dell’ennesima rilettura, voglio condividere alcuni suggerimenti su come gestire il sovraccarico di informazioni in cui siamo immersi.

In un post di qualche giorno fa, Massimo Mantellini invocava un software capace di stabilire al suo posto le priorità delle informazioni, spegnendo alcune notifiche nei momenti in cui lui vuole concentrarsi su qualcosa.

Io non sono convinta che la soluzione stia in un software, che è solo uno strumento al servizio di una decisione che dobbiamo prendere noi. Peraltro di software che limitano il tempo che passiamo sui social network o in attività “improduttive” ce ne sono tantissimi, basta cercare le parole chiave blocking distractions su Google (*).

Ci sono però decisioni che solo noi possiamo (e dobbiamo) prendere, e la più importante è quella di scegliere di essere noi a decidere come usare il nostro tempo, invece di restare passivi a farci decidere il tempo da qualcun altro.

Ecco i primi passi da fare.

1. Chiudete la posta

Tenere la posta elettronica sempre aperta offre una scusa perfetta per non metterci a lavorare davvero. Arriva un messaggio, viene la tentazione di leggerlo, poi magari di rispondere subito; nel mentre, l’occhio cade su un messaggio che abbiamo già letto, e che sta lì ad aspettare una risposta, che ancora non abbiamo voglia o tempo di scrivere; nel frattempo, i nostri pensieri si sono distratti da quel che stavamo facendo, e riprendere la concentrazione diventa sempre più faticoso.

La posta va chiusa, e riaperta solo in pochi momenti ben definiti durante la giornata: in questi momenti (ad esempio, una mezzora alle 10 del mattino, una a fine mattinata e una a metà pomeriggio), leggeremo ed elaboreremo subito tutti i messaggi che sono arrivati, senza lasciare sospesi (chiamatelo InboxZero, chiamatelo Metodo Rosso, ma la sostanza non cambia).

2. Spegnete tutte le notifiche

Le notifiche sono il male.

Togliete le notifiche audio dal vostro smartphone, eliminate i widget che vi dicono che qualcuno  ha commentato un vostro post in un social network, chiudete le app di Twitter e Yammer. Se i social network sono importanti nella vostra vita (nella mia lo sono), dedicate loro un momento specifico (la “pausa Twitter” come la pausa caffè), ma durante il resto del tempo non fatevi disturbare.

Vedrete che la vita va avanti lo stesso, anzi, sarete stupiti di come vi sentite meglio.

3. Usate una ToDoList per definire le vostre priorità

Aprite ogni giornata facendo il punto su quel che dovete fare oggi. La ToDoList del giorno deve essere realistica: un elenco di tre voci è ok, uno di 20 è impossibile da chiudere, quindi va ripianificato subito, perché non c’è niente di più improduttivo che restare a guardare sconsolati una lista troppo lunga per essere completata.

Di strumenti per gestire le ToDoList ce ne sono tanti (nel libro ne recensisco un bel po’), ma la cosa in assoluto più importante è che voi decidiate di mettervi d’impegno e iniziare a fare i compiti.

(*) Grazie all’impareggiabile Marco Brambilla che mi segnala perle come Let Me Google This For You. Senza di lui, la mia vita digitale sarebbe molto meno divertente e produttiva.

 

6 Responses to Sovraccarico informativo, alcuni suggerimenti

  1. Michele scrive:

    non sono decisamente un socialcoso dipendente ma di solito uso la tecnica del pomodoro (http://it.pomodorotechnique.com/) per evitare distrazioni. Devo dire che funziona bene.

  2. Alessandra Farabegoli scrive:

    il Pomodoro mi ha salvato la vita più volte, l’ho messo anche nel libro!

  3. […] Reading: Sovraccarico informativo, alcuni suggerimenti | Alessandra Farabegoli 5678 Thanks! An error occurred! […]

  4. […] suggerite o cosa state facendo per mettervi a dieta da overload? Alessandra Farabegoli suggerisce i primi passi da fare. Inoltre si possono inserire dei filtri per governare il flusso di ciò che ci passa sui monitor. […]

  5. Giuseppe Vitale scrive:

    Mi sembrano tre primi efficaci passi che ho ho voluto citare.

  6. […] come è utile, in una gestione familiare, la condivisione di agende e liste impegni in modo da ottimizzare i tempi. Fu fantastico. Io e il Prof utilizzavamo già, in condivisione, Wunderlist, ma dopo quel panel […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Email marketing in pratica
Dalla costruzione della mailing list alla scelta dello strumento, dal piano editoriale alla scrittura: tutto ciò che serve per creare newsletter che funzionano.
Sopravvivere alle informazioni su Internet
Metodo e strumenti per sopravvivere, anzi prosperare, in una situazione del tutto inedita nella storia dell'umanità: l'abbondanza di informazioni.
Manuale di buonsenso in rete
Un ebook (gratuito in PDF, a 1,99 € in versione digitale) con decine di consigli per applicare il buonsenso alla propria comunicazione online.
Email Marketing con MailChimp
Un manuale che spiega passo dopo passo come usare MailChimp, uno dei migliori strumenti per gestire in modo professionale le proprie mailing list e newsletter.