Di recente ho tenuto una lezione di web content strategy all’interno del master online in strategie di marketing ed ecommerce organizzato da NinjaAcademy, e ne ho approfittato per l’ennesima revisione delle mie slide, non solo per il master ma anche per Digital Update.

Da quel materiale, ecco alcuni appunti utili per chi ha un sito di ecommerce e vuole aumentare il traffico e, soprattutto, le vendite.

Cosa cercano le persone online?
Contenuti utili e usabili.

È il mantra che ripeto fino allo sfinimento durante le mie lezioni: non serve riempire le nostre pagine di fuffa, perché la fuffa non la cerca nessuno. Mi autocito:

FORSE le persone vogliono acquistare “raffinate emozioni”; ma SICURAMENTE, poi, googlano “divani in pelle”

Se non credete a me, andate su Google Trends e confrontate i trend di ricerca di queste due keyword, sono piuttosto eloquenti:

Google Trend divani in pelle vs raffinate emozioni
Quindi: chiamate le cose col loro nome, tagliate l’aria fritta e parlate di ciò che serve ai vostri clienti.

La scheda prodotto è il vostro commesso online

Immaginate di entrare in un negozio e dire alla commessa che cercate un paio di slip o una canotta. Vi aspettate che lei poggi sul banco tre modelli e vi lasci da soli a leggere l’etichetta, o che vi spieghi le caratteristiche di ciascuno in termini di materiali, vestibilità, taglio?

E cosa dovrebbe succedere online, dove oltretutto, a differenza che in un negozio “di atomi”, non potete toccare o provare nulla?

Ecco due schede prodotto a confronto: la prima è di Muji, brand no-logo piuttosto noto: della canotta in vendita ci dicono i colori e la composizione, dopodiché segue un lungo elenco delle varie combinazioni di colore e taglia, da cui scegliere cosa comprare. Per essere buoni, diciamo che non si sono sforzati più di tanto.

MUJI Online canotta

La seconda è di Simplycris (disclaimer: è uno di quei clienti che mi piacciono tanto che, a consulenza finita, parlo bene di loro ogni volta che me ne capita l’occasione; da quando li ho conosciuti, sono diventati i miei fornitori di biancheria per tutta la famiglia). La canotta non è tanto diversa, ma qualcuno si è preso la briga di spiegarci – con parole umane – come è fatta, e perfino come lavarla e stirarla.

Canotta Donna e Ragazza in Puro Cotone   Simplycris

Le parole che mettete nella descrizione prodotto sono quelle che vi aiutano a farvi trovare sui motori di ricerca, e sono quelle che convincono i vostri visitatori a diventare clienti.

Scrivete per le persone, (anche) Google apprezzerà!

Raccontate senza dimenticare le informazioni importanti

Alcune delle schede prodotto più belle che potete leggere online sono quelle di Biascagne Cicli, ciclofficina-culto che realizza bici uniche per appassionati. Ogni bici in vetrina sul loro sito è raccontata come se fossimo lì, a rimirarne insieme ingranaggi e cromature:

Singlespeed bike La Boriosa Biascagne Cicli

Ma, dopo il racconto “fra amici” – arricchito da tantissimi dettagli fotografici – arrivano tutte le informazioni tecniche:
Singlespeed bike La Boriosa Biascagne Cicli scheda

La descrizione dovete scriverla voi, non copiarla!

Un errore che fanno di frequente quelli che vendono online prodotti di altre aziende è copiare e incollare la descrizione così come è fornita dal produttore.

A parte il fatto che a volte queste descrizioni sono pensate per il rivenditore e non per il cliente finale, quindi parlano nella lingua del grossista più che in quella di chi cerca su Google, l’effetto più deleterio di questa pratica è quello di rendere il sito un doppione in mezzo a tanti altri duplicati.

Prendiamo ad esempio un prodotto di una nota marca di erboristeria:

Acqua di Profumo 50 ml   Primaverde   L Erbolario

Ho preso una parte del testo di descrizione: “La personalità fiorita, infine, per far sbocciare le suggestioni di una stagione che, un anno dopo l’altro, rievoca in ogni animo uno stupore mai sopito. Tutto questo è Primaverde, e questa è la sua primaverile fragranza“, e l’ho cercato tal quale su Google: ecco qui più di 120 siti che riportano la stessa, identica, descrizione!

la personalità fiorita - Cerca con Google

Perché mai Google dovrebbe farvi uscire come “miglior risultato” se le stesse cose che sono scritte da voi si trovano da mille altre parti?

È molto probabile invece che il vostro sito venga penalizzato per duplicate content, e non esca più in nessuna ricerca – e parlo per esperienza vista coi miei occhi.

Le recensioni dei vostri clienti

Lasciate che i clienti esprimano il loro parere sui prodotti che hanno acquistato da voi e sul vostro servizio, sia assegnando un voto, sia, soprattutto, descrivendo con parole proprie la loro esperienza d’acquisto.

Le recensioni sono un contenuto utile per chi sta decidendo se comprare, e utilissimo per l’indicizzazione; e non dovete nemmeno scriverle voi!

Quello che dovreste fare, invece, è suggerire a chi ha fatto un acquisto di lasciarvi una recensione: scrivetegli, qualche giorno dopo che ha ricevuto la merce, un messaggio gentile in cui gli chiedete il suo parere sugli articoli che ha comprato.

Come effetto collaterale di questa abitudine, sono certa che qualcuno apprezzerà di essere considerato anche a pagamento avvenuto…

Già che parliamo di email ed ecommerce: il 19 aprile a Milano ci sarà la prima edizione di Digital Update Email Marketing, con un momento tutto dedicato all’integrazione fra email transazionali e carrello online; a parlarne saranno i ragazzi di MailUp, che collaborano con noi per questa edizione del corso. C’è ancora qualche giorno per iscriversi con lo sconto earlylovers, approfittatene!

7 Responses to Web content strategy per vendere online: i testi

  1. Biascagne scrive:

    Che onore, grazie mille Alessandra! Vuoi iscriverti anche alla newsletter (rigorosamente MailChimp) e farci sapere se anche quella ti piace?
    Ciao e grazie!
    - Biascagne Cicli

  2. Francesco scrive:

    Ottime osservazioni.

    L’esempio delle “raffinate emozioni” diventerà un must per tutte le volte che mi chiederanno come far uscire un sito su Google.

  3. marina scrive:

    grazie Alessandra, i tuoi consigli sono sempre preziosi, concordo soprattutto sulla parte relativa all’importanza di considerare la scheda prodotto come il commesso on line. Che non significa che puoi pensarla come alcuni commessi nei negozi, che non sanno nulla di quello che vendono, ma la devi pensare come quei commessi che possono consigliarti e indirizzarti eventualmente a scegliere il prodotto più giusto per te, pur restando nel negozio. Purtroppo spesso la cura del contenuto si limita a una minima selezione fotografica, a volte neanche quella.

  4. wanda scrive:

    un piacere leggerlo, solo l’essenziale e niente aria fritta, come dici tu. Metterò in pratica i tuoi consigli.

    grazie e a presto

    Wanda

  5. [...] riguarda i testi dei prodotti in vendita in un ecommerce (nome del prodotto, descrizione, ecc): ne parla bene oggi Alessandra Farabegoli. Spesso è difficile convincere le aziende a mettere effort su questo punto, ma se guardiamo ai [...]

  6. Stefano scrive:

    Grazie Alessandra,
    come sempre puntuale, dritta al cuore della questione. Personalmente ho ancora molto da imparare soprattutto a “sforbiciare” una certa tendenza alla scrittura “barocca”.
    Stefano

  7. Le recensioni sono ottime per guidare gli utenti nei loro acquisti, ma i contenuti vanno comunque presidiati. Guardate cosa è successo ad Amazon.it con i commenti della Capra senza capretto, mai più senza.

    Il link si riferisce ad una copia creata da Google non so per quanto tempo sarà ancora disponibile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Email marketing in pratica
Dalla costruzione della mailing list alla scelta dello strumento, dal piano editoriale alla scrittura: tutto ciò che serve per creare newsletter che funzionano.
Sopravvivere alle informazioni su Internet
Metodo e strumenti per sopravvivere, anzi prosperare, in una situazione del tutto inedita nella storia dell'umanità: l'abbondanza di informazioni.
Manuale di buonsenso in rete
Un ebook (gratuito in PDF, a 1,99 € in versione digitale) con decine di consigli per applicare il buonsenso alla propria comunicazione online.
Email Marketing con MailChimp
Un manuale che spiega passo dopo passo come usare MailChimp, uno dei migliori strumenti per gestire in modo professionale le proprie mailing list e newsletter.